M'aMa-Dalla Parte dei Bambini

Per Contattarmi:



Scrivimi a karin@affidiamoci.com o chiamami al 339/8322065
Sarò felice di darti tutte le informazioni e l'ascolto che meriti!

lunedì 1 giugno 2015

Affido familiare: e se il piccolo torna dai genitori bio?

                              by Rob Wiltshire
Ecco come puoi affrontare, tutelare e trasformare in risorsa, l’eventuale separazione dal piccolo.

Da precisare che i bambini in affido familiare oltre il compimento della maggiore età, ovvero gli affidi sine die, sono molti.

Le ultime ricerche del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, sull’affido familiare, parlano del 60%, se non dell'80%.

Restano comunque i casi che terminano con il ritorno del piccolo nella famiglia naturale (reale obiettivo di ogni affido).

Vediamo come puoi affrontare l'idea di un distacco così doloroso.
Il diritto di ogni bambino è crescere in una famiglia, crescere nell’amore di chi lo abbraccia di giorno e gli dà la buonanotte la sera, dopo avergli rimboccato le coperte.

E il semplice ricordo di aver rimboccato le coperte non ha date di scadenza, nè per te né per il piccolo che lo ha vissuto grazie a te.

E da quel momento, probabilmente, vi unirà per sempre. 

“E’ stato quando è sceso dall’altalena e, per la prima volta, dopo due mesi che lo avevo in casa, mi è corso in contro abbracciandomi...”, mi ha raccontato Maria, 50 anni, impiegata, alla fine del suo affido familiare durato cinque anni.

Poi F. è ritornato da chi, in quei cinque anni, non era stato in grado di accudirlo.

Ma che non aveva mai smesso di amarlo.

Eppure F.non se ne è mai andato realmente da Maria.

La sua famiglia naturale felice di questa relazione, ogni sabato lo fa pranzare da Maria; ogni sera gli fa fare una telefonata a Maria; durante le vacanze gli lascia trascorre settimane intere da Maria.

Perché da Maria F. non hai mai smesso di avere la sua cameretta, i suoi giochi, il suo mondo.

Ecco, quindi, l’unicità della Relazione che puoi costruire con il piccolo nei giorni, mesi, anni in cui vive con te.

Una Relazione che molto probabilmente perdurerà nel tempo anche se il piccolo, dovesse far ritorno nella famiglia di origine.

E per costruire una buona Relazione è necessario anche (laddove ce ne sia l'opportunità) collaborare con la famiglia bio del piccolo. 

Se poi la collaborazione (oggettivamente) non fosse possibile (o ti fosse preclusa a priori dal progetto dei Servizi sociali sul minore) aiuta il piccolo a vivere serenamente la sua doppia appartenenza

A quel punto poco importa in quale casa andrà a dormire, perché entrambe le porte rimarranno spalancate: la tua sicuramente; quella della sua famiglia, forse, nel tempo, anche.

Da non dimenticare poi che la Legge tutela la continuità del rapporto dei genitori affidatari con i bambini in affido, anche dopo il loro ritorno nella famiglia naturale.

Insomma, sono più che mai convinta che amare qualcuno significhi anche essere capaci di lasciarlo andare aspettando che, se vuole, ritorni.

Per la mia esperienza i bambini affidati ritornano, spesso non vanno nemmeno via.

Tu, però, durante l'esperienza di affido familiare, cura la Relazione con il piccolo; collabora con la sua famiglia naturale e fai appello alla Legge che tutela il vostro rapporto.

Nessun commento:

Posta un commento