M'aMa-Dalla Parte dei Bambini

Per Contattarmi:



Scrivimi a karin@affidiamoci.com o chiamami al 339/8322065
Sarò felice di darti tutte le informazioni e l'ascolto che meriti!

lunedì 15 giugno 2015

Affido familiare: l'affido sine die

                                  by Boians Cho Joo                                    
L’affido familiare, con tutta la sua caratteristica di "temporaneità", se diventa affido sine die?

Senza confonderlo con l’adozione nazionale, vediamo quando e perché l’affido diventa sine die, ovvero "a tempo indeterminato".

Nel nostro Paese l’affido familiare è poco conosciuto, ancor meno lo sono alcuni suoi aspetti.

Infatti, quando se ne parla, si deve sottolineare la sua “temporaneità” anche se, il più delle volte, questa non trova riscontro nella realtà.

Nella pratica, troppo spesso, non si realizzano le condizioni per cui il minore possa rientrare nella famiglia di origine, susseguendosi continui rinnovi.

Ed ecco che un affido consensuale si trasforma in giudiziale, e uno giudiziale è reiterato per mesi o anni.

L’affido familiare, a quel punto, non è più temporaneo, ma indeterminato e può accompagnare il minore fino al suo 18esimo anno d'età.

In questi casi si parla di affidi sine die.


Casi in cui i minori non riescono a sentirsi mai “figli” di quella o di quest’altra famiglia; e i genitori (sia affidatari sia naturali) non si sentono mai tali fino in fondo.  

L’affido familiare costringe il minore in un limbo da eterno “affidato”, e i genitori affidatari in un limbo da eterni genitori affidatari.

Si tratta di quegli affidi “apparenti” che, evidentemente, stanno bene anche a chi non vuole che l’affido familiare diventi, per i genitori single affidatari...l’anticamera dell’adozione nazionale!

I dati delle ultime ricerche del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali rilevano come almeno il 60% degli affidi siano sine die.

Eppure, contrariamente a questi dati, l’affido sine die continua a essere considerato un tabù, taciuto dagli operatori del sociale (che addirittura lo chiamano affido a lungo termine) e dalle istituzioni.

Il termine “sine die” non lo troviamo all’interno della nostra giurisdizione, tantomeno nelle Linee guida nazionali sull’affido.


Nessun commento:

Posta un commento