M'aMa-Dalla Parte dei Bambini

Per Contattarmi:



Scrivimi a karin@affidiamoci.com o chiamami al 339/8322065
Sarò felice di darti tutte le informazioni e l'ascolto che meriti!

mercoledì 9 settembre 2015

Adozione nazionale e affido: si possono intraprendere contemporaneamente?

                                          by Craftyjoce

Una delle domande più comuni rivoltami dalle coppie è se il percorso di adozione nazionale o internazionale escluda quello di affido familiare.

Sono sempre di più, in effetti, le famiglie che, mentre percorrono l’iter per l’adozione nazionale/internazionale, si aprono al desiderio di accogliere “temporaneamente” bambini in affido.

Ebbene, per come stanno le cose oggi (o meglio per come sono presentate), questo è impraticabile.

E lo sarà fino a quando la Legge 149/01 continuerà a ignorare che ben il 70% degli affidi si trasforma in sine die, e fino a quando sarà divulgata solo e soltanto la temporaneità dell’affido familiare.

In quest’ottica è difficile Tu possa essere, al contempo, sia affidatario sia adottivo.


E se da una parte si vende la temporaneità dell'affido, dall’altra si tace su quei servizi territoriali che, per penuria di affidatari sul territorio, propongono agli aspiranti genitori adottivi la via dell’affido familiare, gettandoli nella più cieca confusione.

Operatori che ventilano, a chi anela di diventare Mamma o Papà, una rapidissima possibilità di esserlo confezionando una genitorialità ad hoc, un pacchetto regalo (da restituire al mittente a tempo debito) che generalmente contiene uno o più bambini in affido di età inferiore ai 6 anni.

Bambini in affido che la Legge, per la loro tenera età, “dovrebbe” tutelare preservandoli dall’inserimento in istituto.

Dove invece sono spediti regolarmente.

Solo a quel punto i servizi territoriali, per rimediare a questo “piccolo errore logistico”, si aggrappano agli aspiranti genitori adottivi rallentandone anche il percorso verso l’adozione nazionale/internazionale.

Sì perché il Tribunale dei Minori non vede quasi mai di buon occhio la sovrapposizione dei due percorsi e, non di rado, arriva a proporre una sospensione temporanea dell’iter adottivo.

Come ormai è consuetudine nel magico mondo dell’affido familiare, tutto è un po' "arrangiato", improvvisato: ci si muove un po’ tentoni, per voci di corridoio.

Secondo la mia esperienza se accogli bambini in affido familiare il processo di adozione nazionale/internazionale di un altro minore subisce seri rallentamenti: vuoi per tutelare la sfera emotiva dei bambini in affido che potrebbe essere sconvolta dall’ingresso di un altro piccolo; vuoi per l’eventuale permanenza all’estero con i bambini in affido; vuoi per le linee direttive sull’adozione nel paese straniero…

Dovessi essere interessato a entrambi i percorsi, quindi, per la nebulosità dell’argomento, chiedi direttamente ai Servizi sociali del tuo territorio di riferimento.  

Dal canto mio ti consiglio di tenere distinte le due cose e, se durante il percorso adottivo, ti fosse richiesta una disponibilità all’affido familiare, concedila in un periodo successivo all’avvenuta adozione nazionale/internazionale.  

Se poi dovessi essere irrimediabilmente attratto dalla proposta di bambini in affido - senza per questo voler rinunciare all’adozione - cerca di capire se questo, in realtà, possa essere solo e soltanto un modo per placare la tua ansia da maternità/paternità.

A mio avviso, quindi, affido familiare e adozione nazionale/internazionale rimangono incompatibili vissuti contemporaneamente. 

 

Nessun commento:

Posta un commento