M'aMa-Dalla Parte dei Bambini

Per Contattarmi:



Scrivimi a karin@affidiamoci.com o chiamami al 339/8322065
Sarò felice di darti tutte le informazioni e l'ascolto che meriti!

martedì 9 agosto 2016

A lezione di Affido Familiare (III e ultima parte) – Risposte alle domande più frequenti



Chi può essere genitore affidatario?
Non sono richiesti particolari requisiti e condizioni per essere genitore affidatario.
Tutti possono diventarlo, è sufficiente essere consapevoli della propria scelta e dare la disponibilità alle istituzioni:

-     Coppie sposate, con o senza figli
-     Coppie non sposate, con o senza figli
-     Persone singole (single)

Non sono previsti limiti di età nè particolari condizioni economiche.


Come si diventa genitore affidatario?
Le persone interessate a conoscere l’affido familiare si possono rivolgere al Servizio Sociale del territorio.

Chi decide di dare la propria disponibilità può rivolgersi al Servizio Sociale del territorio con il quale intraprendere un percorso finalizzato da un lato all’acquisizione di una maggiore consapevolezza da parte degli affidatari sulla possibilità concreta di essere protagonisti dell’affidamento e, dall’altro, a permettere agli operatori di conoscere le risorse di quella famiglia specifica.

Tale percorso si conclude con la definizione dell’abbinamento più adeguato tra le caratteristiche e le disponibilità della famiglia affidataria e le esigenze del bambino e della sua famiglia.

C’è un rimborso spese per il genitore affidatario?
La legge nazionale prevede che lo Stato, Regioni e Enti locali dispongano misure di sostegno, anche economiche, in favore della famiglia affidataria.

Ogni mese agli affidatari viene accreditato un contributo mensile che dovrebbe essere pari ad una pensione minima Inps per l’affido familiare di ogni bambino o ragazzo.

Il contributo mensile è esente dalle tasse.

In caso di affidi familiari residenziali agli affidatari spettano anche le “detrazioni di imposta” per carichi di famiglia.


Le madri affidatarie con lavoro dipendente, in caso di affidi familiari residenziali, hanno anche diritto alla maternità obbligatoria per 3 mesi indipendentemente dall’età del minore; se libere professioniste/lavoratrici autonome hanno diritto a 5 mesi di maternità obbligatoria a condizione che il bambino affidato non abbia superato i 6 anni d’età.

Nessun commento:

Posta un commento