M'aMa-Dalla Parte dei Bambini

Per Contattarmi:



Scrivimi a karin@affidiamoci.com o chiamami al 339/8322065
Sarò felice di darti tutte le informazioni e l'ascolto che meriti!

sabato 18 febbraio 2017

Bonus Bebè anche per affido familiare


A poterne beneficiare sono i nuclei familiari in occasione della nascita, affido familiare e adozione di un bambino tra il 1 gennaio 2015 e il 31 dicembre 2017, a condizione che siano in possesso di un Isee in corso di validità non superiore ai 25 mila euro annui.

L’assegno, corrisposto dal giorno della nascita del bambino o del suo ingresso in famiglia in affido familiare, e sino al compimento del terzo anno d’età, o sino al terzo anno d’ingresso in famiglia, ha un importo mensile di 80 euro, elevato a 160 per nuclei familiari con un Isee entro i 7 mila euro.

Il sostegno è riservato ai figli dei cittadini italiani (cui sono equiparati i rifugiati politici), di cittadini extracomunitari con permesso di soggiorno Ue di lungo periodo.

In ogni caso, il richiedente deve avere la residenza in Italia.

L’Inps ha recentemente evidenziato che molti beneficiari di bonus non hanno presentato la Dichiarazione sostitutiva unica (Dsu) utile al rilascio dell’Isee per il 2016.

Una mancanza di questo tipo comporta, per legge, la sospensione del “bonus bebè” a sostegno dell’affido familiare per tutte le mensilità di quest’anno.

Perché l’istituto possa riprendere il pagamento delle rate sospese – fermo restando gli altri requisiti – è necessario che i beneficiari presentino la Dsu entro e non oltre il prossimo 31 dicembre 2016.

La mancata presentazione della Dsu entro dicembre avrà come conseguenza non solo la perdita delle mensilità pregresse ma anche la decadenza della domanda di assegno presentata nel 2015.

Nel caso di decadenza, il soggetto ancora in possesso dei requisiti potrà presentare una nuova domanda di assegno nel 2017: il bonus spetterà, però, solo a partire dalla presentazione della nuova domanda, senza possibilità di recuperare le mensilità precedenti.

Le Dichiarazioni sostitutive uniche hanno validità sino al 15 gennaio dell’anno successivo a quello in cui sono presentate.


Pertanto, per consentire all’Inps la verifica della permanenza dei requisiti di legge e la puntuale erogazione del bonus anche in occasione di affido familiare è opportuno che gli aventi diritto all’assegno nell’anno 2017, inclusi i “ritardatari” che presenteranno la Dsu sul finire del 2016, rinnovino la dichiarazione a partire dall’1 gennaio 2017.

Nessun commento:

Posta un commento