venerdì 15 febbraio 2019

Storie di amore e bambini in affido familiare - La voce del papà




Spesso sono le mamme a scrivere, a raccontare la storia del loro affido familiare, del loro amore. 
Questa volta è un papà a farlo, un papà che fino all’abbinamento ha cercato di rimanere lucido e razionale fino a quando “non sorridi più con le labbra ma con l’anima”.

Anni di attese, speranze, domande, viaggi, illusioni, silenzi...anche questo è l’affido familiare. E poi un giorno, all’improvviso, per una pura casualità, grazie a queste MammeMatte, realizzi i tuoi sogni.

Ci chiamano per dirci che c’è posta per noi!

Una cicogna forse un po' malandata, ma pur sempre una cicogna.

Con qualche timore per il futuro, a passo incerto, andiamo a fare la nostra udienza in tribunale per un possibile affido familiare.

Usciamo frastornati, pensiamo, ripensiamo, ci confrontiamo, chiadiamo aiuti e pareri e, dopo qualche giorno di lotta con noi stessi e con il mondo, finalmente comprendiamo l’unica incontrovertibile verità: nella vita non ci sono certezze, né con i figli biologici, né con quelli adottati, né per se stessi.

La paura, a volte, supera di gran lunga la realtà delle cose; tutto si può superare, basta volerlo, ma volerlo davvero!

E allora dimentichi tutto e ti lanci a capofitto in questa fantastica avventura di affido familiare.

Finalmente stringi tra le braccia questo fagotto e dimentichi i suoi e i tuoi problemi, i pareri dei medici, le sveglie per i medicinali, la fatica di uscire alle 12.00 con 40 gradi per portarlo a visita.
I sorrisi di questi piccoli pezzetti di un paradiso di marzapane, sono capaci di liquefarti il cuore, mentre li guardi e non sorridi più con le labbra ma con l’anima!

Ogni bambino ha diritto di essere felice; a volte il destino è beffardo, ma il destino è destino! Il destino di avere quel bambino, di poterlo stringere e coccolare...il suo destino di avere noi come suoi genitori.

Come ha detto un grande professore e un grande uomo, ‘non esistono genitori biologici e genitori adottivi, esistono genitori e genitori AFFETTIVI’. 

Io non so cosa il futuro riserverà al nostro pasticcino, ma di una cosa siamo certi: siamo pronti a dare la nostra vita per difenderlo e per rendere radioso il suo futuro!”

Perchè anche questo è l’affido familiare.

2 commenti: