sabato 11 dicembre 2021

Storie di amore e bambini in affido familiare: “Allora mi chiedo chi è il vero disabile? Non siamo forse noi?”

 


C. racconta la sua breve esperienza di affido, troppo breve, ma intensa, ricca, meravigliosa. La sua piccola è volata in cielo, e C. con la sua famiglia l’ha accompagnata fino all’ultimo, con grande amore, rispetto della sua diversità e, soprattutto, accettazione incondizionata della sua unicità.


La foto di A. parla da sola...Sulla disabilità c'è molto da dire e molto da fare. Ci sono ancora tanti, troppi pregiudizi. Troppe le battaglie che i genitori devono combattere, con burocrazia assurda! Anche noi prima di incontrare A. abbiamo avuto paura, eravamo preoccupati soprattutto per i nostri bambini. Ma quanto ci siamo sbagliati!

A. ha vissuto nella totale pienezza, con lei siamo stati ovunque, mare, montagna, gite, ha avuto nonni, zii, amici, fratelli, TUTTI l’hanno amata ma soprattutto lei ha amato tutti noi! I nostri bambini non l’hanno mai vista "diversa " e non passa giorno senza che parlino di lei, di quanto manca a tutti…

Un bambino non è la sua diagnosi.

A. aveva trovato il modo di comunicare con noi, a me bastava uno sguardo per sapere cosa stesse pensando e se stesse bene o male. La vita insieme a lei è stata bellissima…

A questi bambini di avere un sondino naso gastrico o di non poter camminare non gli importa, siamo noi adulti a faticare ad accettare una peg o una carozzina! A loro basta avere una famiglia che li ami per quello che sono. Ricordo gli sguardi della gente al mare o in giro e lei rispondeva sempre con un sorrisone, anima pura e semplice…

Allora mi chiedo chi è il vero disabile? Non siamo forse noi, incapaci di amare e di aprirci al diverso pensando che questi bambini siano portatori di problemi e sofferenza? Così facciamo un torto prima di tutto a noi stessi non dandoci la possibilità di vivere un amore grande e incondizionato.

Ci sono tanti bambini abbandonati perché nati con una patologia grave: se volete farVi un regalo, se volete che i vostri figli imparino il valore vero della vita, aprite il Cuore, apritevi all'Accoglienza. Se invece siete neogenitori di un bambino con una patologia grave, non abbiate paura...sarà bellissimo. Sarà amore e gioia. Ciao Cucù, manchi tanto amore mio”. 

Una MammaMatta




2 commenti: