lunedì 15 agosto 2022

Storie di amore e bambini in affido familiare: “Anche noi eravamo e siamo pronti a lasciarla andare"

 



In risposta al nostro Appello per Vittoria, una bimba con poche aspettative di vita, una nostra MammaMatta scrive la sua testimonianza di accoglienza sperando infonda coraggio ad altri possibili futuri genitori: “Mia figlia ha un danno neurologico molto serio, tetraparesi, cecità, sordità e si nutre con peg e una scoliosi neurologica che le comprime un polmone (…) Anche noi eravamo e siamo pronti a lasciar andare Mary...”


Ciao sono Paola, mamma di Stefano 6 anni, Mary 5, e Nicola 2 anni.

Stefano e Nicola sono nostri figli bio, Mary è una bimba disabile gravissima che abbiamo adottato perché lasciata in ospedale per la stessa paura dei genitori di Vittoria.

Stefano aveva un anno, lei sei mesi...Ma ci avevano detto che la bambina era già stata più volte sul punto di non farcela...Quindi di non aspettarci nulla se non una vita breve di pochi mesi...Mia figlia ha un danno neurologico molto serio, tetraparesi, cecità, sordità e si nutre con peg e una scoliosi neurologica che le comprime un polmone (viene monitorata... Poi sarà operata). 

Non so che diagnosi abbia Vittoria... Anche noi eravamo e siamo pronti a lasciar andare Mary...Che però ancora oggi è qui e devo dire che ha stupito tutti. A volte l'amore fa più miracoli della medicina!

Noi comunque avevamo rifatto il percorso per adottare e ci avevano anche abbinato una bimba ma ho scoperto di essere incinta (tardi) e non li ho convinti a lasciarmela:

Presto Nicola compirà tre anni quindi immagino che la nostra idoneità sia scaduta così da non poter essere di aiuto a Vittoria, però magari questa piccola testimonianza porterà alla bimba la fortuna di trovare genitori pazzi un pò come noi:::)))

Un abbraccio!"

Una MammaMatta

SE HAI UNA STORIA DI ACCOGLIENZA DA RACCONTARE INVIALA A karin@affidiamoci.com e sarà pubblicata in forma anonima. AIUTACI A DIFFONDERE LA CULTURA DELL'AFFIDO!











2 commenti:

  1. Essere pronti a donare amore fino al punto di avere la capacità e la forza poi di lasciare andare una creatura così piccola e indifesa è quasi un miracolo... Perdere la persona che si ama è un dolore immenso ma scegliere di prendere una bambina con la consapevolezza che non diventerà mai grande lo è ancora di più... Gli appelli per questi bambini spaccano il cuore, d istinto vorresti prenderli tutti ma la verità è che poi manca il coraggio oppure non c'è il sostegno del coniuge e allora rinunci senza sapere che prima della sofferenza per la perdita vivreste insieme dei momenti magici, per un sorrisino, una smorfietta o semplicemente nel vederla respirare...

    RispondiElimina